cattedrale campobasso allontanamento volatili opt

Luogo:
Campobasso

Tipologia d'intervento:
Linea Elettrostatica Antivolatile

Descrizione dell'intervento:
La Cattedrale di Campobasso ha una facciata che ricalca lo stile neoclassico con pronao esastilo e frontone triangolare con un colonnato sottostante.
La linea elettrificata è stata posizionata su tutti i punti d'appoggio della struttura dal lamierino sul perimetrale del tetto ai capitelli neoclassici delle colonne, particolarmente danneggiata era una cornice interna al porticato dove i volatili erano ben riparati dalle intemperie inseguito ad un'accurata pulizia e l'applicazione della linea elettrostatica il problema è stato risolto.

Cenni storici sulla struttura:
Nel 1504, per volere del feudatario Andrea de Capoa, fu edificata al di fuori della cerchia muraria feudale la chiesa della SS. Trinità. In essa ebbe sede la confraternita della Trinità, soppressa nel 1809, divenuta celebre nel XVI secoloper le lotte con quelli Crociati.
Distrutta dal terremoto del 1805, fu ricostruita su progetto dell'architetto Bernardino Musenga. Fu riaperta al culto nel1829 diventando parrocchia e sede del capitolo collegiale. Nel 1860 fu chiusa al culto e utilizzata dalle truppe regolari quale caserma. Nel 1900 fu riaperta ai fedeli, diventando cattedrale nel 1927. Con lo spostamento della sede vescovile da Bojano a Campobasso l'edificio fu oggetto di ulteriori lavori. Su progetto dell'arch. Tullio Passarelli e dell'ing. Vittorio Tiberio si provvide, tra il 1927 e il 1933, all'innalzamento della navata centrale e alla costruzione dell'abside, quest'ultima contenente un affresco di buon livello di Romeo Musa raffigurante la Pentecoste.
Oggi è la chiesa più rappresentativa della città.